Ricalcolo preventivo
Chiama gratis per info e acquisto: 800.408.804 Lun-Ven 08:30 - 20:00, Sab 08:30 - 14:00
Cerca

Sapori di Sorrento

Molto rinomati i profumatissimi agrumi locali.

Le spiagge di san Francesco e Lauro e la baia di Puolo, il profumo di limoni, il verde dei monti Lattari ed il calore accogliente degli abitanti: tutto questo è Sorrento, stupenda terrazza tufacea che strapiomba nelle onde del mare, tra il golfo di Napoli e quello di Salerno... Principessa nella penisola omonima - patria del gusto e ricchissima di prodotti di alta qualità come la mozzarella di Agerola, il provolone del Monaco DOP e la pasta di Gragnano - 'Surriento' è rinomata per le sue specialità gastronomiche: pensiamo alle melanzane alla sorrentina, preparate con acciughe, aglio, prezzemolo, pomodori e basilico, e agli gnocchi alla sorrentina, conditi con salsa di pomodori rigorosamente san Marzano o a grappolo. Questa tradizione gastronomica millenaria, che affonda le proprie radici nell'antica Grecia, non soddisfa soltanto il palato, ma si configura come una splendida declinazione di dieta mediterranea, notoriamente 'cardio-friendly', preventiva per i tumori e protettiva del cervello.

Cereali, pesce, olio d'oliva, frutta e verdura, erbe aromatiche e vino gli alimenti cardine di questa alimentazione in linea con lo spirito slow food, che valorizza, creando sempre nuovi piatti, i prodotti naturali locali, ad esempio il pomodoro di Sorrento. Immancabile ingrediente, abbinato con basilico e fiordilatte dei Monti Lattari, dell'apprezzatissima insalata caprese, questo ortaggio si presenta in grossa pezzatura, forma tondeggiante e colore rosso chiaro, e viene prodotto esclusivamente presso 'I colli' di Piano di Sorrento. Tra i prodotti tipici citiamo, poi, la noce di Sorrento, caratterizzata da una rara compattezza di gheriglio: questo, infatti, può essere estratto intatto, risultando così perfetto per molteplici usi nell'industria dolciaria. Altre virtù del gheriglio sono, ancora, la sua tenerezza e croccantezza e la ridotta oleosità, che garantisce lunghi tempi di conservazione. Dotata di guscio indifferentemente appuntito o tondeggiante, infine, la noce è ottima mangiata anche semplicemente con il pane.

Molto rinomati, ancora, i profumatissimi agrumi locali: le arance e i limoni che si producono nella penisola Sorrentina già dal 1300. La coltivazione prevede l'utilizzazione di impalcature di legno alte fino a sette metri, sopra le quali vengono collocate le cosiddette 'pagliarelle', ovvero le stuoie di paglia utilizzate per la copertura. La tipica varietà di arancia, denominata 'Biondo sorrentino' ed avvolta da una scorza di medio spessore, risulta molto dolce, succosa e priva di semi. Il limone, invece, fregiato della denominazione IGP dal 2000, coltivato anche sui pendii più ripidi e presenza fissa nel paesaggio sorrentino, si caratterizza per la forma ellittica, le dimensioni medio-grandi, la buccia spessa resa intensamente profumata per la consistente presenza di oli essenziali. Altra sua virtù è la grande concentrazione di acido ascorbico, che rende questo agrume un grande alleato di salute e benessere.

Una citazione è d'obbligo, poi, per la pasticceria locale: per la meravigliosa varietà di sfogliatelle, pastiera, babà e casatiello, e per quella delizia emblematica ed inconfondibile chiamata limoncello, di cui i sorrentini si contendono la paternità con amalfitani e capresi. Nato all'inizio del Novecento come corroborante per i pescatori nel freddo della mattina, o per rinfrancare lo spirito dei frati nei conventi, questo liquore ha valicato i confini nazionali riscuotendo consistenti successi all'estero.

Perché si possa fregiare del marchio IGP il limoncello deve essere prodotto nei comuni che vanno da Vico Equense a Massa Lubrense e nell'isola di Capri, e il suo ingrediente principe deve essere il succitato limone locale. Il frutto, raccolto nel mese di ottobre, viene lavato in acqua calda e spazzolato per eliminare eventuali tracce di insetticidi; i pezzi di scorza, poi, vengono inseriti in una brocca di alcool, che va tenuta al buio o al chiuso. Limoni e limoncello, infine, si prestano per la realizzazione di una serie di specialità dolciarie: cioccolata al limone, babà al limoncello, nocciolato profumato al limone...

› Leggi gli altri articoli
› Iscriviti alla Newsletter