Ricalcolo preventivo
Allianz Global Assistance
Carrello
Cerca
Chiama gratis per info e acquisto: 800.408.804 Lun-Ven 08:30 -20:00, Sab 08:30 - 14:00

10 borghi tra i più belli d'Italia

Tra abbazie medievali, paesi che si raggiungono solo a piedi, castelli e grotte: conoscete queste piccole perle nascoste?

I tesori d'Italia sono spesso racchiusi in piccoli borghi quasi nascosti, sconosciuti al turismo di massa, incastonati in qualche angolo del Paese. Località come Mondavio o Corinaldo, nelle Marche, dove il 10 e 11 aprile, si è svolta l'assemblea annuale dell'associazione dei “Borghi più belli d'Italia”, che dal 2001 li valorizza e li promuove. Un'Italia meno nota che, però, è sempre più amata da chi vuole intraprendere viaggi curiosi, non scontati e capaci di sorprendere. Anche a poche ore di auto da casa. Tra gli oltre 200 piccoli gioielli del Bel Paese eccone 10 da non perdere, da nord a sud.

  1. Vipiteno, per una passeggiata nel suggestivo centro della Città nuova sotto la Torre del Dodici, tra balconi fioriti, Gasthaus e le vie dello shopping. Per chi ama l'arte da non mancare una visita al museo Multsher, che conserva 550 tavole dell'artista.
  2. Morimondo, tra Milano e Vigevano, il piccolo borgo si riassume tutto in una splendida abbazia cistercense e nelle strutture connesse, in particolare fattorie e centri di produzione dello stracchino e del gorgonzola. Un luogo ideale per rilassarsi e mangiar bene.
  3. San Leo, arroccato sulla vetta di una collina, domina la vallata circondato da boschi e picchi rocciosi. Le stradine del centro, tutte lastricate in pietra, sembrano riportare a secoli fa, lontani dalla movida della riviera romagnola che dista pochi chilometri. Ottimo punto di partenza per chi, in auto o modo, vuole raggiungere anche San Marino.
  4. Anghiari, nota ai più per la storica battaglia tra milanesi e fiorentini (ricordata ogni anno, a giugno, in una spettacolare rievocazione). Il borgo toscano, però, è anche una meta obbligata per chi vuole conoscere tutto su Pier della Francesca e per chi ama sognare tra i castelli, che punteggiano tutta la zona della Valtiberina.
  5. Spello, nel cuore dell'Umbria, si trasforma in un prato fiorito tra maggio e giugno, in occasione dell'Infiorata del Corpus Domini, una tradizione suggestiva per cui tutta la città viene decorata con immagini sacre composte solo da petali colorati.
  1. Mondavio, con le sue possenti mura nasconde l'autenticità di un borgo sorto sui terreni donati dalla nobile famiglia Ricci direttamente a San Francesco. Tra tradizione e storia, si conservano qui le tradizioni più belle delle Marche.
  2. Civita di Bagnoregio, la città che muore, è un borgo raggiungibile solo a piedi (pochissime le eccezioni), percorrendo un ponte in cemento armato realizzato a vantaggio dei pochi cittadini rimasti e dei turisti. In questo piccolissimo centro il tempo sembra essersi fermato, dando vita a una sorta di isola appoggiata su calanchi d'argilla. Uno spettacolo surreale.
  3. Castellabate, tra le colorate barche dei pescatori, il mare splendido, i sapori del Cilento, basta chiudere gli occhi per assaporare l'estate. Il centro medievale è un piccolo gioiello riconosciuto dall'Unesco patrimonio dell'umanità.
  4. Atzara accoglie il visitatore con i suoi costumi tipici sardi e l'artigianato locale, in particolare i tappeti ancora fatti a mano. Tra i rioni del centro storico si scoprono bellissimi edifici in granito.
  5.  Sperlinga, più che un borgo sembra un'immensa grotta con un lato del celebre castello tutto traforato a causa di una cinquantina di grotte artificiali scavate dall'uomo. Una vera città rupestre dove rivive l'antica Sicilia.

 

› Leggi gli altri articoli