Ricalcolo preventivo
Allianz Global Assistance
Carrello
Cerca
Chiama gratis per info e acquisto: 800.408.804 Lun-Ven 08:30 -20:00, Sab 08:30 - 14:00

Auto fai-da-te: si può fare!

4 ruote, 2 mani, un’ora di tempo e 4000 euro: è quello che ci vuole per l'auto elettrica “fatta in casa”. Vedere per credere!

C'è chi fa lavoretti in casa e chi l'orto sul balcone, ma nell'era dell'open source e della condivisione la nuova frontiera è il veicolo fai-da-te. Anche i più esperti di bricolage, dotati di manualità e fantasia, dovranno ammettere che costruirsi l'automobile da soli è un’impresa al limite dell'impossibile: in tanti ci hanno provato ma si sono dovuti arrendere di fronte a varie e inevitabili difficoltà. Eppure i fatti dimostrano che è possibile.

Ad alzare l'asticella dell'ingegno umano ci ha pensato il gruppo di "startupper" di OSVehicle (https://www.osvehicle.com/). Provengono da ogni angolo del pianeta ma molti sono nati o si sono formati in Italia. Dopo mesi, anzi anni, di lavoro hanno creato un modello replicabile di auto elettrica, Tabby Evo, condividendo il brevetto e la tecnologia con il popolo della Rete.

Il progetto è partito "ufficialmente" nel 2013 e con il passare del tempo sta raggiungendo vette sempre più elevate di eccellenza in termini di prestazioni, solidità e sicurezza dell’auto ma anche di contenimento dei costi. Per il kit-base oggi ci vogliono circa 4mila euro. Le possibilità di sviluppo aprono scenari nuovi settimana dopo settimana: dalle lunghe percorrenze in autostrada a velocità pari alle "concorrenti tradizionali".

Auto fai-da-te: si può fare! | Allianz Global Assistance Auto fai-da-te: si può fare! | Allianz Global Assistance Auto fai-da-te: si può fare! | Allianz Global Assistance Auto fai-da-te: si può fare! | Allianz Global Assistance Auto fai-da-te: si può fare! | Allianz Global Assistance

Solo belle parole? A quanto pare no, dato il successo che Tabby Evo sta riscuotendo in giro per il mondo. Grandi aziende, così come piccole realtà, hanno utilizzato questo modello per creare veicoli al servizio della municipalità con scopi turistici, per implementare il car sharing, per rendere più agevoli e “green” le consegne, per scopi agricoli. E i progetti sono ancora tanti, per esempio alcune strutture turistiche sarebbero interessate a dotarsi di veicoli elettrici, in special modo nelle isole del Mediterraneo, per incrementare il turismo.

Certo, pur seguendo pedissequamente le istruzioni, non ci si può improvvisare ma forse qualcuno sarà ora solleticato dall'idea di investire un po’ di tempo e denaro per un sogno finalmente possibile. E come se non bastasse ci vuole solo un'ora. Siete ancora scettici? Guardare per credere: https://vimeo.com/113110682

› Leggi gli altri articoli