Ricalcolo preventivo
Chiama gratis per info e acquisto: 800.408.804 Lun-Ven 08:30 - 20:00, Sab 08:30 - 14:00
Cerca

Quell'inspiegabile stanchezza estiva

L'arrivo della bella stagione è un periodo di risveglio e un forte stimolo alla vita, merito della più lunga durata della luce del sole.

Anche il nostro corpo, pertanto, risponde a questo "richiamo". Ma dall'altra parte della medaglia, l'attività di tutto l'organismo aumenta e questo comporta un maggiore consumo di energia. Perché, quindi, ci sentiamo stanchi, irritabili, nervosi? La risposta è semplice: l'improvviso stimolo può trovare il nostro corpo un po' impreparato, per cui è necessaria una fase più o meno lunga di adattamento prima di riuscire ad adeguarsi ai nuovi ritmi. Ed è proprio per questo motivo che si attraversano momenti di stanchezza. A essere maggiormente colpite da questa sorta di svogliatezza sono soprattutto le donne, in cui le variazioni ormonali sono più sensibili e il calo di minerali essenziali per le funzioni dell'organismo, come ferro e magnesio, più frequente. A volte, infatti, l'astenia segnala che l'organismo "marcia male" perché è a corto di ferro. Di questo elemento non si può fare a meno perché serve per produrre emoglobina e regola la produzione di energia.

Che fare, quindi? Innanzitutto cambiare i ritmi della giornata che, tradotto, significa attuare delle semplici strategie. A partire da ciò che si porta in tavola: non mangiare troppo o troppo poco, magari passando continuamente da diete "selvagge" alle abbuffate. Sì a cinque pasti al giorno: tre principali (colazione, pranzo e cena) più due spuntini a metà mattina e merenda per mantenere un equilibrio e non dare fondo alle riserve. Se manca il ferro, via libera a molluschi, crostacei, cacao, legumi, prezzemolo, basilico e vegetali a foglia verde. Condisci questi ultimi con una goccia di limone: in questo modo si rende più assimilabile il minerale in essi contenuto. Cacao, frutta secca e spinaci, inoltre, sono un'ottima fonte di magnesio, deputato alla trasmissione degli impulsi nervosi. Se manca, ci si sente deboli. E, oltre alla stanchezza, possono associarsi crampi muscolari, ansia, nervosismo e irritabilità. Altro consiglio: non superare le 3-4 tazzine al giorno di caffè. Questa bevanda, se assunta con moderazione, favorisce la concentrazione, ma ad alte dosi influisce negativamente su fegato e cuore, peggiorando la stanchezza e la qualità del sonno. No anche al consumo eccessivo di alcol (due bicchieri di vino al giorno sono consentiti), che può ostacolare la concentrazione mentale, rendendo le attività più faticose.

Anche il movimento è importante: camminare, possibilmente in un parco e all'aria aperta, è un ottimo calmante naturale. Scarica la tensione e rimette in moto le energie. Approfitta della pausa pranzo per fare una passeggiata di salute e favorire la digestione. Fermarsi dal lavoro qualche minuto in più aiuta a ripristinare le energie, anche se si ha molto da fare!

Proteggetevi e dedicatevi al vostro corpo e alle cose a voi più care. La vostra abitazione, ad esempio, potete tutelarla scegliendo il prodotto HomeAssist, che vi protegge da ogni spiacevole imprevisto!


(In collaborazione con PiùSaniPiùBelli)

› Leggi gli altri articoli
› Iscriviti alla Newsletter