Ricalcolo preventivo
Chiama gratis per info e acquisto: 800.408.804 Lun-Ven 08:30 - 20:00, Sab 08:30 - 14:00

Thailandia

Consigli di Viaggio

Documenti e Ambasciate

Per il tuo viaggio in Thailandia fino a 30 giorni avrai bisogno del solo passaporto e non dovrai richiedere alcun visto di ingresso. Ricordati di portare con te anche le copie dei documenti e delle carte di credito e di lasciare gli originali al sicuro in hotel. L’Ambasciata d'Italia a Bangkok si trova al 40° piano della CRC Tower situata al numero 87 di Wireless Road nel distretto di Lumphini della capitale thailandese (Tel. +66 (0)2 250 4970 – Fax. +66 (0)2 250 4988 – mail. ambasciata.bangkok@esteri.it). In caso di necessità potrai contattare, fuori dall’orario di servizio, il cellulare per le emergenze al numero +66 (0) 818256103.

Fuso orario

Quando in Italia vige l’ora solare, la Thailandia si trova 6 ore avanti rispetto al nostro Paese. Quando invece in Italia è in vigore l’ora legale la differenza è di sole 5 ore.

Vaccini

Prima di partire per la Thailandia non dovrai sottoporti a nessuna vaccinazione obbligatoria, né sono consigliate particolari vaccinazioni.

Rischi per la salute

In Thailandia le condizioni igieniche e idrico sanitarie sono buone e non sussistono rischi per la tua salute.

Rischi in genere

ln generale la Thailandia è un Paese sicuro. Ti sconsigliamo, però, di avventurarti nelle provincie di Satun e Songkhla, dove sono stati registrati alcuni attacchi terroristici.

Elettricità

La tensione elettrica è di 220V e per utilizzare caricabatterie e altri apparecchi elettronici avrai bisogno di un adattatore che funzioni con prese di tipo A e C.

Assicurazioni Consigliate

In Thailandia l’assistenza sanitaria pubblica e privata è generalmente buona. In caso di necessità però potresti dover fronteggiare spese per cure mediche piuttosto elevate, con un ricovero per frattura che può costare ben oltre 12.000€. Per goderti un tour della Thailandia tranquillo e senza pensieri ti consigliamo di sottoscrivere l’assicurazione sanitaria Travel Care che provvede al rimborso delle spese mediche sostenute coprendo anche i costi dell’eventuale rimpatrio aerosanitario. Per tutelarti dalle spiacevoli conseguenze dei disagi causati dalle compagnie aeree, ti consigliamo di aggiungere alla tua Travel Care le garanzie aggiuntive che riguardano il ritardo aereo, che copre le spese sostenute a causa del ritardo del volo, e il bagaglio, che rimborsa le spese legate all'acquisto di beni di prima necessità seguenti al ritardo nella consegna o allo smarrimento del bagaglio, incluse le spese sostenute in caso di furto dello stesso. Nelle principali città della Thailandia e nei luoghi caratterizzati da grande affluenza turistica, i furti sono piuttosto comuni: per proteggerti dai disagi legati al furto dello smartphone o all’utilizzo fraudolento della carta SIM, puoi sottoscrivere l’assicurazione per smartphone Safe Mobile, che ti tutela anche in caso di danni accidentali.

Cosa mettere in valigia

I momenti migliori per visitare la Thailandia coincidono con l’autunno e l’inverno (in particolare da novembre a febbraio). Porta con te abiti leggeri e il corredo necessario per le giornate in spiaggia sulla costa, come creme solari, ciabatte, costume, cappello e occhiali da sole, che ti torneranno comodi anche per le eventuali uscite in barca lungo le coste di Phuket.

Se siete donne

La Thailandia è un Paese sicuro anche per una donna che viaggia da sola. Bisogna però ricordare di non toccare i monaci buddhisti in quanto alle donne non è permesso farlo.

Guida rapida di comportamento

I thailandesi sono molto pacifici e considerano la solitudine una forma di sventura che va scongiurata: per questo non sarete mai soli durante il viaggio e se sarete ospiti in una casa privata, troverete ad attendervi tutto il nucleo familiare allargato .Ricordate sempre di togliere le scarpe prima di entrare. E se desiderate fare un saluto ad un bambino, non accarezzategli mai la testa: sarebbe considerato un atto di malagurio. Se visitate i templi dovrete togliervi le scarpe evitando, se vi inginocchierete, di puntare le palme dei piedi verso il Buddha o verso la persona che vi sta dietro: sarebbe assai irrispettoso. Ricordate che il Buddha è considerato sacro e quindi è assolutamente vietato fotografare le statue nei templi: sarebbe considerato un sacrilegio. Non sono gradite le effusioni in pubblico. i saluti avvengono con un leggero inchino giungendo le mani