Ricalcolo preventivo
Chiama gratis per info e acquisto: 800.408.804 Lun-Ven 08:30 - 20:00, Sab 08:30 - 14:00
Cerca

Un mito chiamato Harley Davidson

Uno dei brand più amati della storia

Nella lista Interbrand 2010 dei brand globali dominanti si colloca in 98esima posizione, con una perdita di valore pari a circa un miliardo di dollari: parliamo del marchio Harley Davidson, che risente certamente del calo generale di settore e di un pricing proibitivo in tempo di crisi, ma anche dell'invecchiamento complessivo del target di riferimento. Se l'attuale scenario di mercato non appare propriamente roseo, non riesce però ad intaccare la magia e l'appeal di una moto ineguagliabile, totem inossidabile per stuoli di fedelissimi sparsi in tutto il mondo e raggruppati in diverse associazioni. Tra le molte dedicate a moto monomarca la più nutrita è la HOG Harley Owners Group, sponsorizzata da Harley-Davidson Motor Company, che riunisce oltre 150.000 proprietari di Harley e conta 985 sedi nel pianeta. Fondata nei primi anni Ottanta e mossa da uno spirito fortemente commerciale, HOG favorisce l'interazione tra concessionari, casa produttrice e motociclisti, e si articola in sottogruppi territoriali detti Chapters HOG.

Una cilindrata che supera i 750 cc, motore bicilindrico a V, due ruote plasmate per mangiare l'asfalto delle immense strade americane, assolutamente pianeggianti e molto lisce: questi i tratti identificativi della Harley Davidson, potente simbolo di libertà e voglia di scoperta. Ancora, in quanto esponente dello stile 'chopper' e, quindi, frutto della personalizzazione che rifiuta l'omologarsi, questa moto è dotata di forcella anteriore, sella posizionata in basso ed altissimo manubrio, e poi di ruota anteriore, faro e serbatoio più piccoli rispetto a quelli di serie. La verniciatura, infine, viene spesso modificata con l'aggiunta di cromature.

Il merito di aver scritto le prime pagine della storia di questa moto leggendaria va a due giovani ed intuitivi statunitensi: William Harley, di 21 anni, e Arthur Davidson, di 20, fondatori della Harley-Davidson Motor Company. Precisamente a Milwaukee, nel Winscosin, dove è collocata la sede del marchio, è stato realizzato, nel lontano 1902, il primo prototipo di bicicletta motorizzata. Nel giro di pochissimi anni le vendite divengono seriali e totalizzano numeri che si trovano nell'ordine delle migliaia. Fornitrice di mezzi per l'esercito sia durante la prima che durante la seconda guerra mondiale, la Harley-Davidson Motor Company tocca i suoi picchi produttivi negli anni Venti e nel secondo dopoguerra, per poi confermarsi nuovamente leader di mercato per la grande cilindrata negli anni Ottanta, facendo bene attenzione a mantenere inalterato lo stile retrò e ad alimentare un mito tuttora vivo e vegeto. Non a caso, sempre a Milwaukee, si trova l''Harley-Davidson Museum, che raccoglie modelli di tutte le epoche e mostra come, dall'originario prototipo di bicicletta, si è arrivati alle tipologie attuali. Che, nello specifico, comprendono Dyna, Touring, VRSC, CVO e Softail (cosiddetta per la sospensione della ruota anteriore), e trovano la loro principessa incontrastata nella Sportster. Dotata di serbatoio dalle piccole dimensioni e pur mantenendosi fedele all'originaria versione classe 1957, questa moto si tiene al passo con i tempi e con l'evoluzione tecnologica: nel 2004, ad esempio, è stato introdotto il telaio silent block ed è stata inserita l'iniezione elettronica.

› Leggi gli altri articoli
› Iscriviti alla Newsletter