Chiama gratis per info e acquisto: 800.408.804 Lun-Ven 08:30 - 20:00, Sab 08:30 - 14:00

Turchia

Consigli utili per viaggiare in Turchia

Documenti e Ambasciate

carta d'identitià valido per l'espatrio o passaporto senza visto di ingresso. Si consiglia di portare con sé delle fotocopie dei documenti e carte di credito e lasciare gli originali in hotel o in un luogo sicuro.
Ambasciata d'Italia ad Ankara
Ataturk Bulvari n. 118
06680 Kavaklidere
Ankara, Turchia
Tel.: +90 312 4574200;
Fax: +90 312 4574280;
Cellulare di reperibilità, solo in casi d’emergenza nei giorni di chiusura +905323748177
e-mail: ambasciata.ankara@esteri.it

Fuso orario

+1h rispetto all’Italia durante tutto l’anno

Vaccini

Nessuna vaccinazione obbligatoria né consigliata

Rischi per la salute

la situazione igienico, idrico e sanitaria è sufficiente e non sussistono rischi particolari per la salute

Rischi in genere

il paese è abbastanza tranquillo ma si consiglia di prestare attenzione se si intende visitare il sud-est asiatico, in particolare il confine con la Siria

Elettricità

L'elettricità è di 230V con prese di tipo C (come quelle italiane), F. Prevedere un adattatore

Assicurazioni Consigliate

In Turchia le strutture pubbliche sono soddisfacenti. il Consolato Generale di Istanbul ha stipulato con la Universal Hospital Group un accordo che prevede uno sconto fino al 45% dei costi per prestazioni mediche da parte dei cittadini italiani presso una delle strutture convenzionate. Tuttavia le spese mediche sono assai elevate e i costi delle prestazioni vengono richiesti in anticipo. Per esempio, una lesione da taglio può costare oltre 3.000 euro. Per casi particolarmente seri può essere consigliabile il rientro in Italia: è raccomandabile sottoscrivere l'assicurazione sanitaria e copertura spese mediche Travel Care che prevede, tra l'altro, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario.
In Turchia potrebbero verificarsi disagi con le compagnie aeree. Per questo sono preferibili i prodotti Ritardo Aereo e Bagaglio che coprono, nel primo caso, le spese di ritardo del volo e nel secondo, quelle per l'acquisto di beni di prima necessità per ritardo o smarrimento del bagaglio nonchè rimborso delle spese in caso di furto dello stesso.
Soprattutto nelle grandi città e nei luoghi con una maggior affluenza turistica, i furti sono alquanto comuni: è opportuno il prodotto Smartphone, Tablet, Fotocamera che protegge tutti i dispositivi in caso di furto, rapina o danni accidentali.
Se ci si reca nel paese in auto o in moto, sono consigliabili le polizze Driver (per l’auto) o Rider (per la moto) Europa e Easydocs Europa. La prima garantisce, fra l’altro, il soccorso stradale 24 ore su 24 in caso di guasto o incidente, le eventuali spese di albergo a seguito del sinistro, il rientro dei passeggeri al domicilio e la protezione giuridica; la seconda, Rider, consente l'interruzione dei previsti tributi automobilistici in caso di furto totale del veicolo.

Cosa mettere in valigia

Il periodo migliore per visitare la Turchia è fra aprile e giugno e fra settembre e novembre quando il clima è più mite. Sono sufficienti vestiti leggeri, ad eccezione di qualche indumento più pesante. Dotarsi, inoltre, di occhiali da sole, creme solari e doposole, kit di primo soccorso(non dimenticare i fermenti lattici), spray antizanzare, carta e penna, calzini per visitare le moschee e un foulard e un golfino per i giri in mongolfiera. Se si intende pernottare in qualche piccolo hotel della Cappadocia è bene dotarsi anche di un coltellino multiuso e di una piccola torcia, asciugamano a nido d'ape, un pezzo di sapone,un sacco-lenzuolo e disinfettante per le mani, oltre a scarponcini da trekking. Se si prevede, invece, una crociera in caiacco, non dimenticare accappatoi in microfibra, mollette per appendere i costumi (in barca c'è sempre vento) e cerotti contro il mal di mare.

Se siete donne

Il paese è sicuro per una donna che viaggi sola.Alcuni accorgimenti utili: coprite preferibilmente ginocchia e spalle, indossando gonne o pantaloni non troppo corti, evitando possibilmente canottiere e portare il copricapo. In questo modo ci si può proteggere dal sole ma anche di evitare di incorrere in eventuali problemi legati alla cultura turca

Guida rapida di comportamento

La popolazione turca è molto accogliente anche se conservatrice. Inoltre, gli anziani vengono trattati con molto rispetto, salutateli per primi e mantenete un atteggiamento riservato in loro presenza. Se siete ospiti in una casa privata, oltre a lasciare le vostre scarpe all'ingresso, tenete presente che non è educato chiedere di poter visitare la dimora. Se avete un appuntamento e il vostro interlocutore è in ritardo, non vi preoccupate, è una consuetudine turca. Se intavolate una conversazione, evitate di toccare temi politici o religioni: difficilmente saranno accolti con piacere.Inoltre come per noi italiani, anche per i turchi, gesticolare mentre si parla, toccando anche l'interlocutore è considerato naturale.