Chiama gratis per info e acquisto: 800.408.804 Lun-Ven 08:30 - 20:00, Sab 08:30 - 14:00

Il Blog di Allianz Global Assistance

Viaggiare per cultura: la follia arancione

Viaggiare per cultura: la follia arancione | Allianz Global Assistance

Musei, pedalate in bicicletta e giri in battello, ma anche concerti, balli e tanto divertimento per il Koningsdag di Amsterdam

Sofia è tornata, abbronzata, sorridente e più determinata che mai a migliorare le sue capacità di surfista. Il suo viaggio per sport l'ha entusiasmata e le ha dato nuova carica per affrontare ogni giorno con ancora più energia e vitalità. Luca e Andrea sono sempre stati affascinati dalla forza della loro amica, il suo sorriso è contagioso, così come la sua voglia di viaggiare, esplorare e non fermarsi mai.

Luca e Andrea, però, al contrario di Sofia, non amano molto lo sport, preferiscono girovagare per le grandi città, perdersi tra i mercatini di dischi e cianfrusaglie, mangiare street food, scoprire nuove culture e immergersi completamente negli usi e costumi dei popoli che incontrano. L'adrenalina della partenza; la meraviglia di fronte a una scultura, un quadro o un palazzo che si è visto, fino a quel momento, solo nelle pagine dei libri di scuola; la curiosità di entrare in contatto con tradizioni diverse dalle proprie e lo stupore che si prova quando si assaggia quella specialità che si pensava non ci sarebbe mai piaciuta, sono emozioni a cui i due ragazzi non riescono a rinunciare.

"Da quando ci siamo conosciuti al liceo Luca ed io ci siamo subito trovati, o meglio… all'inizio io ero alla ricerca di un amico secchione per superare indenne i 5 anni di Liceo Classico, poi, ho scoperto che, dietro la facciata da studente modello, si nascondeva un ragazzo simpatico e folle quanto me!"

Viaggiare per cultura: la follia arancione | Allianz Global Assistance

Il secchione e lo svogliato, una coppia di amici tanto diversi, quanto perfetti insieme, specialmente nel momento in cui decidono di partire "zaino in spalla" per vivere una delle loro vacanze all'avventura. La prossima meta dei due ragazzi sarà Amsterdam, in occasione del Koningsdag, il compleanno del Re, per vedere di persona l'Oranjegekte, la follia arancione, dilagare per le strade della città.

Amsterdam: un concentrato di cultura

La capitale olandese ha la più alta concentrazione di musei al mondo, sono oltre 75 e incontrano davvero tutti i gusti: arte, fotografia, cinema, storia, scienza, ma anche birra, tulipani, formaggio, gatti e houseboat, la città offre attrazioni di tutti i tipi e un viaggio per cultura non è davvero completo se non si visita almeno un museo.

Una volta arrivati in città, poi, fare un giro in battello è una tappa obbligatoria, la "Venezia del Nord" è formata da circa 90 isole collegate tra di loro da 1.500 ponti, che regalano alla capitale un fascino speciale. Per sentirsi, invece, veri e propri olandesi, Luca e Andrea dovranno assolutamente noleggiare due biciclette e pedalare senza sosta per il centro.

"Quell'imbranato di Andrea per poco non finisce in un canale! Cercava i freni e non li trovava! Abituarsi ad andare su quelle biciclette enormi e girare i pedali all'indietro per fermarsi, non è proprio una cosa facilissima, ma per lui è stata quasi un'impresa impossibile, tanto che alla fine siamo dovuti andare a piedi. Meno male che abbiamo stipulato un'assicurazione viaggio Europa così non corriamo rischi!"

Viaggiare per cultura: la follia arancione | Allianz Global Assistance

Koningsdag, la Festa del Re

Visitare Amsterdam nel giorno dei festeggiamenti per il Koningsdag, permette davvero di percepire e sentire l'entusiasmo, la passione, l'allegria e quel pizzico di follia che contraddistingue il popolo olandese e che richiama circa 2 milioni di visitatori ogni anno.

La festa in origine prendeva il nome di Koninginnedag, Giorno della Regina, perché istituita per celebrare il compleanno della Principessa Wilhelmina. Di madre in figlia, questa festa è stata tramandata tra le principesse eredi al trono olandese, fino a quando, dopo ben 123 anni, non è diventato Re Willem-Alexander e la festa è stata spostata al 27 aprile prendendo il nome di Koningsdag, appunto, compleanno del Re.

Il sovrano in questo giorno visita alcune città olandesi, mentre per i canali e le vie della città si disperde un serpentone gioioso e colorato di arancione, simbolo della dinastia reale degli Orange-Nassau. Tutta Amsterdam si tinge di questo colore: le strade, i ponti, le case, i dolci tipici e persino l'acqua delle fontane. Indossare almeno un indumento arancio è d'obbligo anche per i turisti!

"Mercatini delle pulci, luna-park, concerti, eventi, street food e una parata di barche sui canali: una festa folle, raggiante e colma di euforia. Il Koningsdag è andato oltre ogni nostra aspettativa, cultura, tradizioni e divertimento si mescolano e creano uno spettacolo unico e, assolutamente, imperdibile!"

To be continued...

L'ultima cosa da vedere prima di tornare a casa, sono i tulipani. Anche i meno romantici, come Luca e Andrea, sapranno apprezzare gli immensi campi dei giardini Keukenhof, dove fioriscono più di 7 milioni di bulbi, tra cui anche giacinti, narcisi, orchidee, rose e gigli, i colori e i profumi di questo parco inebriano tutti i visitatori.

"Le sfilate sono finite, ma l'Oranjegekte rimane dentro di noi! Abbiamo deciso di lasciare il diario che ci ha dato Sofia in una libreria di strada, per continuare questa tradizione e per convincere sempre più persone a partire e ad aprirsi alle emozioni del viaggio."

Viaggiare per cultura: la follia arancione | Allianz Global Assistance

TOP