Chiama gratis per info e acquisto: 800.408.804 Lun-Ven 08:30 - 20:00, Sab 08:30 - 14:00

Il Blog di Allianz Global Assistance

Giappone: un mondo fatto di cartoni animati, manga e anime

Giappone: un mondo fatto di cartoni animati, manga e anime | Allianz Global Assistance

Viaggiare per passione: il racconto di Francesca alla scoperta del Giappone tra ricordi d’infanzia e una realtà incredibile

Chi è cresciuto come me negli anni '80, ha trascorso la sua infanzia tra le storie dei cartoni animati giapponesi: da bambina, piangevo guardando Candy Candy, innamorata come tutte di Terence, quando sono diventata un po’ più grandicella, mi esaltavo guardando Ken il Guerriero, mentre nel periodo dell’adolescenza, dopo aver finito di fare i compiti, facevo merenda davanti a Mila e Shiro. Poi, durante il periodo dell’Università il caso ha voluto che conoscessi il mio futuro marito Leonardo, la cui più grande passione erano, e sono tutt’oggi, i manga e gli anime giapponesi.

Viaggi, cartoni animati e fumetti sono il mix di passioni che ci hanno spinto a partire per il Giappone per il viaggio più significativo della nostra vita insieme: il nostro viaggio di nozze. Per la luna di miele abbiamo scelto di visitare il Giappone: quel Paese così lontano e diverso dal nostro che ci sembrava, tuttavia, di conoscere fin da bambini.

Siamo partiti con tante aspettative e con un itinerario ricco per i nostri 21 giorni itineranti in Giappone: in valigia qualche vestito, tanta voglia di conoscere un mondo nuovo e la migliore assicurazione viaggio.

Giappone: un mondo fatto di cartoni animati, manga e anime | Allianz Global Assistance

Tour in Giappone con 15 tappe da seguire

Il Giappone per me è stato un viaggio straordinario, vissuto in un’occasione davvero speciale. I 21 giorni che abbiamo trascorso nel Paese del Sol Levante li abbiamo passati spostandoci attraverso 15 città diverse: dalla caotica Tokyo agli onsen di Hakone; dai villaggi delle Alpi Giapponesi di Takayama e Shirakawa-go alla città dei samurai di Kanazawa; da Osaka al Koyasan, dove abbiamo dormito in un tempio buddista; dalla città dei cervi di Nara a Kobe alla tradizionale Kyoto dei templi e delle geishe, passando per l’esperienza toccante di visitare Hiroshima.

In ognuna di queste città abbiamo visto luoghi di assoluta bellezza naturalistica e architettonica, che resteranno per sempre nel nostro cuore. Ma oltre a ciò, durante il nostro viaggio in Giappone abbiamo avuto modo di incontrare persone che ci hanno fatto capire quanto l’idea che i cartoni giapponesi ci trasmettono non sia proprio una mera fantasia: il popolo giapponese è un popolo davvero cordiale, amichevole e gentile. Meraviglioso, come ci sembrava nei cartoni animati.

Giappone: un mondo fatto di cartoni animati, manga e anime | Allianz Global Assistance

Cosa vedere in Giappone se sei un amante di anime e manga

Quando si viaggia in Giappone basta guardare le nuvole in cielo per riconoscersi in un manga o un anime giapponese.

Se ti trovi a Tokyo e sei un appassionato del mondo dei manga e dell’animazione devi assolutamente andare a Nakano Broadway: il vero paradiso per gli amanti di robot, action figure e pupazzi (qui si trova anche il famoso Mandarake). A Ueno, di fronte alla stazione JR, poi, si trova il negozio a 7 piani Yamashiroya. Inoltre, da non perdere, Akihabara il quartiere dell’elettronica, dei manga e dei cartoni animati giapponesi dove ci sono negozi di ogni tipo.

Se sei un appassionato degli anime, invece, da visitare assolutamente è il Museo dei Manga a Kyoto: il primo museo giapponese interamente dedicato alla cultura dei manga. Qui si trovano circa 300.000 fumetti suddivisi per genere. Devo ammettere che tenere tra le mani e sfogliare il n.1 di Ken Shiro e altri manga come Holly e Benji (Captain Tsubasa) e Georgie è stata un’esperienza incredibile.

Un viaggio in Giappone è, quindi, una vacanza che consiglio a chiunque, che siate o meno fan di cartoni animati, manga e anime, le bellezze di questo Paese sono uniche, inimitabili e da vedere almeno una volta nella vita!

"Riuscire a prendere i biglietti è stata un'impresa quasi impossibile: prima la registrazione, poi la waiting room, poi l'acquisto… ore e ore di attesa davanti al PC per riuscire, alla fine, ad accaparrarci i nostri pass! Ci aspetteranno code lunghissime, giornate piene di interventi e conferenze tra la famosa Ballroom 20 e gigantesca Hall H che, con i suoi 6.500 posti a sedere, è la sala principale dove verranno presentate le produzioni più importanti..."

La prima edizione dei Comic Con International fu nel 1970 e vi presero parte circa 300 persone, oggi invece i partecipanti sono 130.000 al giorno per i quattro giorni della manifestazione. Una crescita incredibile che si è sviluppata nel corso di poco meno di cinquant'anni e che ha permesso alla manifestazione di diventare un punto di riferimento per tutti gli appassionati e gli addetti del settore.

TOP