Chiama gratis per info e acquisto: 800.408.804 Lun-Ven 08:30 - 20:00, Sab 08:30 - 14:00

Il Blog di Allianz Global Assistance

#TravelBag: come organizzare un tour on the road

#TravelBag: come organizzare un tour on the road | Allianz Global Assistance

Con un tour on the road è possibile scoprire luoghi distanti da una prospettiva diversa, lontana dal turismo di massa, un'esperienza da vivere in totale libertà

Un tour on the road è un modo per scoprire il mondo con entusiasmo e all'insegna di spostamenti continui. I viaggi su strada, nella maggior parte dei casi, non sono rilassanti, ma permettono di esplorare luoghi sempre diversi, lontani dal turismo di massa, percorrendo itinerari secondari da cui poter godere di tutte le bellezze incontaminate e dell'autenticità della cultura locale.

Solitamente i viaggi in moto o auto on the road sono quelli preferiti dai viaggiatori con grande propensione all'adattamento, perché consentono di stabilire in totale libertà le tappe e le tempistiche dell'itinerario. Chi parte per un tour on the road vuole essere autonomo e organizzare il percorso in base alle proprie esigenze e ai propri desideri. Ma quali sono i motivi per cui si decide di programmare un viaggio simile e come pianificarlo al meglio? E quali gli oggetti da portare con sé e le mete preferite per un tour on the road?

Perché decidere di organizzare un viaggio on the road?

Coloro che affrontano un tour on the road normalmente sono esploratori che non vanno alla ricerca del relax e della tranquillità. Al contrario, sono viaggiatori pronti a scoprire nuovi luoghi, lontani dalle strade più battute, e a spostarsi continuamente da una città all'altra. I viaggi in moto e in auto on the road sono quasi sempre i prediletti da questa tipologia di esploratori: con questi mezzi di trasporto, infatti, i viaggiatori hanno la possibilità di organizzare gli spostamenti in base alle proprie esigenze e ai propri desideri.
Il motivo principale, quindi, per cui si decide di intraprendere un tour on the road è la libertà, la flessibilità che questa tipologia di viaggio permette di avere durante tutto il percorso.

Oltre alla volontà di scoprire paesaggi fuori dall'ordinario, i viaggiatori che organizzano un tour on the road hanno anche il desiderio di venire a contatto con culture e tradizioni lontane, che possono portare a un arricchimento spirituale. Per un viaggio on the road si può decidere di partire da soli oppure con un gruppo di amici. In particolare, il motivo per cui si sceglie di programmare questa tipologia di viaggio in compagnia è di rafforzare il legame con i propri amici. Le avventure vissute insieme alle persone care durante un tour on the road, infatti, sono un ottimo collante per migliorare i rapporti personali e creare amicizie che durino per sempre.

#TravelBag: come organizzare un tour on the road | Allianz Global Assistance

Tour on the road, come organizzare il viaggio

Quando si parla di viaggio on the road in molti pensano che si tratti di un tour improvvisato, che non prevede una preparazione precisa. In realtà, nella maggior parte dei casi i tour on the road hanno alla base una programmazione ben strutturata, che permette di gestire meglio il tempo a disposizione. L'organizzazione di questa tipologia di tour parte dalla definizione di un budget: comprendere quanto si è disposti a spendere, sia per il viaggio che per i costi extra, è fondamentale per definire anche l'alloggio e le mete da visitare.
Nella pianificazione di un tour on the road deve poi essere prestabilito anche il mezzo di trasporto con cui muoversi da un luogo all'altro. Molti esploratori prediligono i viaggi in moto o in automobile, ma in alternativa è possibile anche scegliere camper, motocaravan e roulotte.

Oltre al budget e al mezzo di trasporto, un altro elemento fondamentale da definire prima della partenza per un viaggio on the road sono le tempistiche. Studiare quanto tempo si ha a disposizione è importante per stabilire quante e quali tappe poter fare. Di solito nell'organizzare un tour di questo tipo vengono presi in considerazione i chilometri ipoteticamente percorribili ogni giorno, tenendo anche conto di eventuali imprevisti che possono capitare.

Viaggi in moto e automobile on the road, consigli su cosa mettere in valigia

Prima della partenza per un viaggio in moto o in auto on the road è importante organizzare strategicamente la valigia, che dovrà contenere tutto ciò che risulta indispensabile per questa tipologia di tour.

#TravelBag: come organizzare un tour on the road | Allianz Global Assistance

Gli elementi che non possono mancare nel proprio bagaglio sono:

  • documenti;
  • borsa frigo;
  • musica;
  • scorte di acqua e borraccia;
  • zaino;
  • k-way;
  • diario di viaggio;
  • macchina fotografica;
  • kit di pronto soccorso;
  • scarpe da tennis;
  • caricabatterie cellulare;
  • caricatore da viaggio;
  • mappa;
  • navigatore;
  • occhiali da sole;
  • cuscino da viaggio;
  • sacco a pelo;
  • thermos.

Dove andare per un viaggio on the road?

Nella scelta delle mete per un viaggio on the road vengono spesso scelte destinazioni all'estero, grazie soprattutto alla possibilità di visitare più luoghi in poco tempo e in un contesto lontano dal proprio. Il viaggio on the road USAè sicuramente uno dei più ambiti dagli esploratori di tutto il mondo. Il consiglio per partire per gli USA on the road è quello di percorrere la famosa Route 66, la strada più celebre per questa tipologia di spostamenti: l'autostrada attraversa 8 Stati, partendo da Chicago e terminando a Los Angeles, ed è conosciuta per essere la strada degli scrittori della beat generation. La Pan American Highway è invece una delle strade più lunghe del mondo, con i suoi 45 mila chilometri che si snodano partendo dall'Alaska per arrivare fino al Cile, passando anche per una zona di selva tropicale montana chiamata Tapòn de Darién.

Partendo da Gibilterra, invece, è possibile affrontare un tour on the road che raggiunge Capo Nord, passando per diversi paesi del Nord Europa.
Se invece si vuole andare alla ricerca di un viaggio su strada alternativo, lontano dalle classiche mete del turismo di massa, è possibile scegliere di percorrere l'Hippie Trail. Questo itinerario prende il nome dal viaggio via terra che gli hippie hanno intrapreso dalla metà degli anni '50 alla fine degli anni '70. Si tratta di un percorso che attraversa l'Europa e l'Asia Meridionale, passando per Paesi come la Turchia, l'Iran, l'Afghanistan, il Pakistan, l'India e il Nepal. La rotta tradizionale è da Istanbul a Delhi, anche se spesso si parte da capitali europee come Londra o Amsterdam e ci si spinge fino a Goa o Katmandu.

Vacanze a Mauritius: viaggio gastronomico (e non) verso un'isola paradisiaca | Allianz Global Assistance

TOP